No news is bad news

Il famoso detto inglese secondo il quale nessuna notizia è una buona notizia non si applica solitamente a chi si occupa di comunicazione. In particolare sul web, aggiornare il proprio sito con regolarità è importante sia per incentivare il ritorno degli utenti, sia per http://malkahans.com/?kypola=forex-learning-center&a9f=7b forex learning center migliorare l'indicizzazione sui motori di ricerca.

Lo diciamo sempre ai nostri Clienti. In questa sezione cerchiamo di dare il buon esempio. Gli articoli di carattere "tecnico/divulgativo" sono invece nella sezione approfondimenti.

Random works

Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale

Archivio di maggio 2008

Restyling sito web Mozzi Autotrasporti

Nessun commento » | giovedì, 15 maggio 2008

Pubblicato lo scorso aprile il http://rsvindustries.com/product/h-cushion-type-un-b nzd usd chart forex nuovo sito web di Autotrasporti Mozzi, completamente rinnovato nella grafica e nei contenuti. aktuella kurser forex bank Il rifacimento del sito ha coinvolto sia l’aspetto grafico, che si presenta ora in una veste più fresca e in linea con l’attenzione all’ambiente tipica dell’azienda piacentina, sia i contenuti ed i servizi al navigatore.

Grazie ad un valutahandel rik CMS sviluppato ad hoc da Gruppo Modulo, lo staff di Mozzi potrà gestire larga parte dei contenuti del sito, mentre un’apposita area è rivolta agli utenti registrati (clienti, rivenditori, fornitori e collaboratori), che potranno accedere a contenuti ad essi dedicati.

Particolare cura è stata posta infine ai motori di ricerca, con un codice lista platform forex xhtml/css ottimizzato per favorire l’indicizzazione sui motori di ricerca, così come agli indirizzi di pagina dinamici seo-friendly generati da funzioni php e htaccess.

Autotrasporti Mozzi :: Gruppo Modulo Portfolio

Definizione di Web 2.0

Nessun commento » | lunedì, 12 maggio 2008

web 2.0

Resourceful Idiot pubblica un ottimo articolo in cui fornisce un’esaustiva e accurata http://craigpauldesign.co.uk/?izi=%D8%B3%D8%B9%D8%B1-%D8%B3%D9%88%D9%82-%D8%A7%D9%84%D8%B0%D9%87%D8%A8-%D8%A7%D9%84%D9%8A%D9%88%D9%85&a63=69 سعر سوق الذهب اليوم definizione del web 2.0, partendo dal concetto di web 1.0 e arrivando a quello di web 3.0. Quanto segue è una parziale traduzione dell’articolo citato, adattato alla situazione e alle esperienze d’uso degli utenti italiani.

Sembra che ognuno abbia la propria idea del significato del web 2.0. http://1conn.com/page/15/?s بيع اسهم في المحفظة Partiamo dalla definizione del web 1.0, cioè delle linee comuni del web all’inizio dell’era internet, circa 15 anni fa nei paesi informaticamente più evoluti, alcuni meno in Italia. A quei tempi, l’uso principale del web era quello di portare in rete, quindi disponibili ad un pubblico più vasto e senza limitazioni di tempo e orario, التحليل الفني للاسهم السعودية انعام le informazioni che fino ad allora venivano diffuse tramite materiale cartaceo come brochure, depliant, volantini, ecc. Progressivamente, altri tipi di informazioni venivano convertite in formato digitale, come interi cataloghi, libri, articoli e notizie, musica ed altro ancora.

Questo spostamento verso i new media, in sostituzione o in accompagnamento ai media tradizionali, è ancora pienamente in corso, agevolato dal progresso tecnologico (e soprattutto dalla velocità di connessione in costante aumento nel mondo), e probabilmente continuerà ancora molto a lungo. forex halmstad eurostop öppettider Questo aumento di informazioni crea il desiderio e il bisogno di poterne fruire in modo più semplice e interattivo, integrando tali dati con i propri strumenti di lavoro. E così arriviamo al web 2.0
Molti ritengono che il web 2.0 sia la definizione dell’attuale fase di internet, e per certi versi è così. Quando la quantità e la tipologia di dati è diventata degna di interesse, le persone hanno iniziato a chiedersi: “Ora, come posso condividere queste informazioni?”.

Dai vari tentativi di rispondere a questa domanda sono nate http://www.humanboundary.com/?plotva=ifundtraders-forex-manual&d89=f9 ifundtraders forex manual varie tipologie di siti web che possono essere definiti web 2.0. In Italia l’accoglimento di tale approccio è stato obliquo: se da un lato alcuni servizi di grande successo internazionale come Facebook o Flickr hanno riscosso un interessamento molto inferiore ai principali paesi di riferimento, YouTube e Wikipedia mostrano come questi servizi in cui مؤشر اسعار الذهب è l’utente a costruire (e non solo a forex trading rules in pakistan usare, come in eBay) il sito funzionano già molto bene anche nel nostro Paese.

كيفية تداول الاسهم السعودية La fase successiva, identificata come web 3.0, ha ancora i confini molto sfumati, ed è difficile capire come si evolverà su larga scala. Le molte informazioni rese disponibili online durante il periodo del web 1.0 sono aumentate esponenzialmente grazie agli strumenti, alla facilità di interazione e all’approccio utente-centrico del web 2.0. Ora la domanda è: “ http://www.homelesshounds.org.uk/?mikstyra=%D8%AA%D8%AF%D8%A7%D9%88%D9%84-%D8%A7%D9%84%D8%B0%D9%87%D8%A8-%D8%AD%D8%B3%D8%A7%D8%A8-%D9%85%D8%AC%D8%A7%D9%86%D9%8A&f2d=fb تداول الذهب حساب مجاني Cosa possiamo fare con questi dati“? La risposta risiederà probabilmente nella realizzazione di siti che creano nuovi servizi incrociando a loro volta i servizi ora esistenti. Il web 3.0 – ma è solo un’ipotesi – troverà probabilmente il suo tratto distintivo nella gestione dei dati: http://www.fiv5starhousecleaning.com/?rabiny=%D8%B7%D8%B1%D9%8A%D9%82%D8%A9-%D8%A7%D9%84%D9%85%D8%AA%D8%A7%D8%AC%D8%B1%D9%87-%D8%A8-%D8%A7%D9%84%D8%B0%D9%87%D8%A8&343=7b طريقة المتاجره ب الذهب pubblicarli online (web 1.0), http://greenspacecambria.org/?binop=%D8%A7%D8%AE%D8%B1-%D8%A7%D8%B3%D9%87%D9%85-%D9%86%D8%A7%D8%B2%D9%84%D9%87-%D9%84%D9%84%D8%B4%D8%B1%D8%A7%D8%A1&c73=8b اخر اسهم نازله للشراء condividerli (web 2.0), اشلون ابيع اسهم بنك وربه sfruttarli al meglio e in più luoghi, occasioni, piattaforme (web 3.0).

Un esempio può essere Google Maps: oggi è un servizio divertente, ma in molti casi viene usato per fare ciò che Via Michelin faceva più o meno 10 anni fa. Un suo utilizzo, con alcuni miglioramenti, su telefono cellulare connesso a internet, lo rende di fatto un navigatore , migliorato dalla possibilità di disporre di immagini e commenti degli utenti sui luoghi e sui percorsi.
Naturalmente, queste definizioni sono ampiamente discutibili. منتدى سوق الاسهم السعودي اليوم E’ difficile definire l’essenza del web 2.0, come quella del movimento che l’ha preceduto e di quelli che seguiranno. Di certo preferiamo una definizione che si basa sul ruolo e il coinvolgimento dei navigatori, rispetto a quella che si basa sulle tecnologie che sottendono lo sviluppo dei siti web cosiddetti 2.0 (l’esempio classico è اسعار الذهب اليوم في السعوديه l’uso di AJAX), che si presta ad ancora maggiori discussioni.

Branding, naming e brochure di prodotto per nuova azienda parmense

Nessun commento » | venerdì, 2 maggio 2008

Un’azienda parmense attiva nel campo degli oli industriali ha commissionato a Modulo l’attività di branding aziendale. Modulo si occuperà di individuare un brand name e un logo, sulla base di uno studio preliminare dell’attività, del target, dei competitor e del posizionamento obiettivo del marchio.

Una volta individuato il nome e il logotipo, Modulo dovrà creare un nuovo layout di comunicazione e declinarlo nei supporti di biglietti da visita, carta intestata e buste, nonchè in una brochure di prodotto, curando anche la stampa di tutto il materiale.