No news is bad news

http://szkola280.pl/klasa/6-d/ praca w domu zory Il famoso detto inglese secondo il quale nessuna notizia è una buona notizia non si applica solitamente a chi si occupa di comunicazione. In particolare sul web, aggiornare il proprio sito con regolarità è importante sia per incentivare il ritorno degli utenti, sia per http://usa.vineyardinstitute.org/?mirno=%D8%B3%D8%B9%D8%B1-%D8%A7%D9%84%D8%B0%D9%87%D8%A8-%D8%A7%D9%84%D9%8A%D9%88%D9%85-%D8%A7%D9%84%D8%A7%D9%85%D8%A7%D8%B1%D8%A7%D8%AA&da0=b8 سعر الذهب اليوم الامارات migliorare l'indicizzazione sui motori di ricerca.

Lo diciamo sempre ai nostri Clienti. In questa sezione cerchiamo di dare il buon esempio. Gli articoli di carattere "tecnico/divulgativo" sono invece nella sezione approfondimenti.

Random works

Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale
Lavori Gruppo Modulo in rotazione casuale

Archivio di aprile 2011

Google: nuovo attacco all’indicizzazione scorretta

طريقة تداول الاسهم Nessun commento » | venerdì, 29 aprile 2011

http://allstar-wrestling.com/?forexfor=online-forex-ea-builder online forex ea builder All’inizio del 2011 Google ha lanciato un nuovo attacco alle “content-farms”, cioè i siti che pubblicano contenuto spazzatura al سعر جرام الذهب في السعودية بيع وشراء solo scopo di attrarre visite dai motori di ricerca.

تداول اي فوركس L’operazione, denominata in codice “Panda update”, è iniziata nei primi mesi dell’anno negli USA, per poi estendersi progressivamente al resto del mondo. Naturalmente, forex bank kontonummer molti effetti collaterali hanno impattato anche sull’indicizzazione di un gran numero di siti web, con alcuni dei principali portali web al mondo che si sono forex kurs lira visti sparire dalle prime pagine dei risultati di ricerca e/o hanno perso anche l’80% delle proprie visite.

موعد طرح اسهم البنك الاهلي L’operazione ha gettato nella frustrazione più di un colosso del web, ma ancora non è chiaro se e come Google troverà il modo di riabilitare chi è stato colpito per sbaglio da questo nuovo “giro di vite”. L’unica notizia certa è che che a Mountain View sono nell’insieme soddisfatti dell’operazione, e puntano a rendere ancora più deciso l’attacco alle “content farms”.

http://thewrittenrunway.com/?pokalcovka=forex-no-deposit-bonus-new-year&de0=4d forex no deposit bonus new year Valutare l’impatto per i “comuni mortali” è quindi difficile, ma di certo Google ha chiarito una volta di più quali sono le leve su cui puntare per avere سوق الاسهم الكويتي بنك وربه effetti duraturi sul proprio Search Engine Marketing:

  • contenuto originale e di qualità;
  • brinks trade forex evitare al massimo le duplicazioni di contenuto, anche ottenute dagli strumenti dinamici del proprio sito;
  • تداولات الاسهم السعوديه aggiornare, aggiornare, aggiornare! una volta al mese ormai non crea un vantaggio competitivo rilevante, e sfruttando l’interazione sito/social network è possibile ottenere contenuti aggiornati con frequenze ben diverse;
  • premiare la permanenza sul sito, lavorando sulle bitcoiny pagine a visita prolungata, rimuovendo (!) le pagine ad alto tasso di rimbalzo e/o basso tasso di permanenza;
  • rimuovere (si, rimuoverle, anche se ci sono costate tempo e lavoro), le pagine che non generano traffico: questo include anche le vecchie news, i vecchi eventi, con buona pace di chi vorrebbe tenere sul proprio sito un archivio storico globale: 3-4 anni sono sufficienti.
  • se proprio volete tenere tutto quanto, valutate domini alternativi (anche di terzo livello), così da ridurre la negatività di questi contenuti sul vostro sito: è infatti acclarato che forex jämför valuta pagine basso performanti danneggiano la performance dell’intero sito.